al menu precedente precedente

pdf-icon (2K)  Preleva bollettino
CGIL Piemonte
Camera del Lavoro Provincia di Torino

Centro Archivio e Documentazione
logo cgil

ARCHIVIO APERTO
n.23, 15 febbraio 2019


| LAVORO | PUBBLICO IMPIEGO | PREVIDENZA | FISCO | SANITÁ E ASSISTENZA | VARIE | SEGNALAZIONI EDITORIALI |



Lavoro

LAVORO NOTTURNO Criteri per calcolare la media delle ore lavorate Con la nota n.1438 del 2019, l'Ispettorato nazionale del Lavoro ha fornito chiarimenti in merito dell'arco temporale di riferimento su cui calcolare il rispetto del limite della media di ore notturne lavorate che, ai sensi dell'art.13 del DLgs 66/2003, e' pari ad 8 ore in media nelle 24 ore, salva diversa statuizione dei contratti collettivi, anche aziendali; il legislatore non ha pero' detto nulla in ordine al parametro temporale su cui effettuare la media oraria del lavoro notturno, pertanto, l'Ispettorato Nazionale del Lavoro, in assenza di una definizione normativa o contrattuale, individua la "settimana lavorativa" su sei giorni lavorativi e, in caso di prestazione lavorativa articolata su 5 giorni, il sesto giorno e' da considerarsi giornata di lavoro a zero ore. Su tale problematica il Ministero era gia' intervenuto nel 2005 (una risposta ad un interpello e poi con una circolare) precisando che si doveva considerare "lavoratore notturno" chi era impiegato per almeno 3 ore di lavoro notturno per un minimo di 80 giorni all'anno. DISPOSIZIONI AMMINISTRATIVE PROVVEDIMENTO: nota INL n. 1438 del 14/02/2019 FONTE: Ipsoa del 14/02/2019 CLASSE: 116/7 SCHEDA n. 47726/18 CRISI D'IMPRESA Nuovo Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza E' stato emanato il decreto legislativo n.14 del 2019 contenente il "Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza". Si tratta di una riforma organica del diritto della crisi d'impresa e delle procedure concorsuali che si pongono in essere per effettuare diagnosi precoci ed eventuali situazioni di difficolta' aziendali e salvaguardare la capacita' imprenditoriale di chi si trova a rischio insolvenza; le disposizioni contenute nel nuovo Codice non saranno subito applicabili, ma piuttosto scaglionate, partendo prima dalle novita' riguardanti l'istituzione dell'albo dei soggetti destinatari a svolgere, su incarico del tribunale, le funzioni di curatore, commissario giudiziale o liquidatore. Tra le novita' una riguarda il termine fallimento che viene abolito sostituito da una espressione: liquidazione giudiziale. NORMATIVA PROVVEDIMENTO: DLgs n. 14 del 12/01/2019 FONTE: Ipsoa del 15/02/2019 CLASSE: 60/3; 60/2 SCHEDA n. 47728/18 ASSUNZIONE DI NUOVI INSEGNANTI Inquadramento retributivo meno favorevole La Corte di Giustizia Ue e' stata interpellata nella causa n.C-154/18 del 2019 in merito alla direttiva che stabilisce un quadro generale per la parita' di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro; la Corte Ue ha stabilito che l'applicazione, al momento dell'assunzione di nuovi insegnanti, di una tabella salariale e di un inquadramento retributivo meno favorevoli di quelli applicati, non costituisce una discriminazione indiretta fondata sull'eta'. Il criterio, quindi, che subordina l'applicazione delle nuove norme alla sola data si assunzione, quale elemento obiettivo e neutro, e' palesemente estraneo ad ogni considerazione relativa all'eta' delle persone assunte. GIURISPRUDENZA PROVVEDIMENTO: sent. CGUE n. C-154/18 del 14/02/2019 FONTE: https://eur-lex.europa.eu/homepage.html del 14/02/2019 CLASSE: 133/12 SCHEDA n. 47729/18

Previdenza

FONDI PENSIONE Indicatori Sintetici di Costo La COVIP ha pubblicato sul proprio sito i valori degli Indicatori Sintetici di Costo (ISC) medi, massimi e minimi per le varie tipologie di forme e comparti da utilizzare per la predisposizione del grafico contenuto nella "Scheda dei Costi", cioe' lo strumento volto a consentire la conformabilita' delle forme previdenziali sotto il profilo della economicita'; nello specifico l'ISC esprime l'incidenza percentuale dei costi sostenuti annualmente dall'iscritto sulla propria posizione individuale, maturata nella fase di accumulo anche per linee di investimento. Il contributo pubblicato indica come si calcola questo indice. COMMENTI FONTE: COVIP del 31/12/2018 CLASSE: 121/36 SCHEDA n. 47727/18

Sanita' ed Assistenza

LOTTA ALLA POVERTA' Fondo di Aiuti Europei agli Indigenti (FEAD) Con il decreto n.15 del 2019, il Ministero del Lavoro approva i criteri di identificazione degli indigenti, anche alla luce dell'evoluzione normativa in materia di misure di sostegno al reddito delle persone in condizione di poverta'; il Ministero e l'Unione Europea, nell'ambito del Programma Operativo I FEAD, identificano le categorie di persone (persone senza fissa dimora; persone e famiglie in condizione di poverta' assoluta e grave deprivazione materiale; persone con grave disagio psichico o sociale e famiglie con minori in cui sono presenti persone con disabilita' o disagio abitativo) a cui gli interventi dovranno prioritariamente essere rivolti. Le risorse sono destinate alle organizzazioni selezionate che distribuiranno pacchi ed elargiranno pasti ai soggetti identificati come indigenti. NORMATIVA PROVVEDIMENTO: DD Min. Lavoro n. 15 del 13/02/2019 FONTE: Min. Lavoro del 13/02/2019 CLASSE: 121/1 SCHEDA n. 47725/18

Varie

RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO Espulsione per condanne ripetute La Corte di Strasburgo, con la sentenza n.57433/15 del 2019, ha dato ragione alle autorita' italiane che non avevano piu' rinnovato il permesso di soggiorno ad un cittadino del Marocco, in Italia da 20 anni, e a procedere all'espulsione, per condanne ripetute, uso di stupefacenti e incapacita' di integrarsi nel mondo del lavoro; per i giudici internazionali, infatti, non si e' realizzata alcuna violazione dell'articolo 8 della Convenzione che assicura il diritto al rispetto della vita privata; diritto che era stato si violato ma sulla base di una legge. GIURISPRUDENZA PROVVEDIMENTO: sent. CEDU n. 57433/15 del 14/02/2019 FONTE: Il Sole 24 ore del 15/02/2019 CLASSE: 83/6 SCHEDA n. 47730/18 ORGANIZZAZIONI BENEFICHE SOLIDARISTICHE IDEOLOGICHE Lavoro gratuito e volontariato Approfondimento in tema di lavoro gratuito, volontario e prestazione di lavoro nelle organizzazioni di volontariato che comprendono oltre a quelle benefiche anche patronati ed organizzazioni ideologiche (DLgs 117/2017); l'argomento viene affrontato anche accennando alle agevolazioni fiscali, il cosiddetto "social bonus" che prevede un credito di imposta che va dal 50 al 65 per cento per le persone fisiche e giuridiche che effettuano donazioni. COMMENTI FONTE: Diritto e Pratica del Lavoro n.4/2019 CLASSE: 9 SCHEDA n. 47731/18
Fine bollettino

Che cosa é il Centro Archivio e Documentazione